Pdl, i falchi all’attacco dei ministri: "Evitino decadenza o il governo cade"

ROMA – Usa Twitter Renato Brunetta per scavare la linea oltre la quale, per i falchi del Pdl, il governo Letta cade. “O il premier cambia la legge di stabilità ed evita decadenza Berlusconi, o larghe intese finite”. Nonostante il sintetico linguaggio di Twitter il messaggio del capogruppo Pdl alla Camera è chiarissimo e pone un aut-aut non solo agli alleati avversari del Pd ma anche e soprattutto ai “ministeriali” del suo partito.

Mara Carfagna rincara la dose. “La legge di stabilità e la legge Severino – dice – sono la cartina di tornasole dell’effettivo peso specifico che la delegazione del Pdl esercita sul governo. La prima, purtroppo, presenta più ombre che luci e colpisce in larga parte il nostro elettorato di riferimento, tasse sulla casa e Iva docet, la seconda potrebbe e dovrebbe essere corretta dal Cdm nell’aspetto relativo alla sua retroattività, invece il tema non figura affatto in agenda”. “I soli proclami davanti a telecamere e taccuini – conclude – purtroppo non bastano, bisogna avere il coraggio di non essere subalterni ad alcuna logica rinunciataria e incidere sulle scelte, per il bene del Paese e per il futuro del nostro movimento”.

Stessi toni dalla senatrice Anna Maria Bernini. “È singolare che i nostri ministri del Pdl trovino occasione, nel loro consueto profluvio di interviste, per esprimere tante perplessità e distinguo sul rilancio di Forza Italia, ma dimentichino di chiarire la loro posizione su questioni che non sono irrilevanti”. “In politica parlano i fatti – prosegue – non le parole. E sulla decadenza di Berlusconi finora i ministri, oltre alle parole, non hanno sviluppato in Cdm alcuna iniziativa per chiarire definitivamente la non retroattività della legge Severino”.

E sono proprio queste polemiche, che Epifani chiama “fibrillazioni”, che secondo il ministro Graziano Delrio “fanno male all’Italia”. “Questo continuo stato di incertezza – ha aggiunto – non fa bene alle nostre imprese e alla legge finanziaria. E’ chiaro che il governo fa quello che riesce a fare nelle condizioni date”. Per questo secondo il ministro “è necessario un chiarimento con il Pdl una volta che avranno risolto i loro problemi interni”.
 

About News